Prevenzione Ambiente organizza un Convegno – Sabato 7/04/2019 sull’aggiornamento e le ultime novità riguardanti la normativa in materia di protezione dei dati personali.

Con la nuova legislazione in materia di protezione dei dati (introdotta nel 2015 con il General Data Protection Regulation (GDPR), in sostituzione alla direttiva sulla protezione dei dati del 1995) le aziende che gestiscono i dati personali dei cittadini europei dovranno sottostare a nuovi obblighi e responsabilità.

 

In caso di mancato rispetto di queste norme, il GDPR consente alle autorità di protezione dei dati di emettere multe fino a 20 milioni di euro o per il 4% del fatturato mondiale annuo di una società, a seconda di quanto risulti più gravoso per l’azienda sanzionata. Anche se l’entrata in vigore della nuova legge avverrà il 25 maggio 2018, occorre quindi che le imprese inizino fin da subito i preparativi per garantire di essere pronte a dimostrare la conformità alle normative.

 

A partire dal 25 maggio 2018, i titolari o i responsabili del trattamento, come previsto dall’articolo 37 del GDPR – General Data Protection Regulation, dovranno obbligatoriamente nominare un DPO – Data protection Officer, nei seguenti specifici tre casi:

  1. quando il trattamento è effettuato da un’autorità/ente pubblico;
  2. quando il “core business”del Titolare o del Responsabile consiste di operazioni di trattamento, che richiedono il monitoraggio regolare e sistematico di interessati su larga scala; o
  3. quando il “core business”del Titolare o del Responsabile consiste nel trattamento su larga scala di particolari categorie di dati personali o giudiziari.

 

 

Il testo come pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

Il testo arricchito con riferimenti ai Considerando

Iscriviti gratuitamente al Convegno di Sabato 18/11/2017